Consigliere regionale

Metrotranvie della Brianza in pericolo ( Ancora?! )

Metrotranvie della Brianza in pericolo

Nei giorni scorsi le voci si erano fatte sempre più insistenti: le metrotranvie della Brianza sono in pericolo. C’è in atto il tentativo, neppure tanto mascherato, di “scippare” i fondi del finanziamento statale, a loro destinato fin dal lontano 2006, per chiudere il buco senza fondo di Expo.

Non è la prima volta che queste opere, indispensabili per un efficace collegamento tra i comuni della bassa Brianza e Milano, rischiano grandemente. La loro storia è costellata di difficoltà, ingiustificabili lentezze, retromarce, indecisioni, ripensamenti. Solo la tenacia di qualche amministratore locale, dei cittadini e dei comitati che credono fermamente nella “cura del ferro” ha impedito più volte la prematura archiviazione dei progetti.

Oggi la Milano Desio Seregno è ad un passo dall’avvio dei lavori, mentre per la Milano Limbiate si attende ancora l’approvazione del Ministero competente. Uno stop definitivo a questo punto sarebbe inconcepibile.

Nulla da dire sull’attività di Regione Lombardia che finora ha svolto il suo compito: ha approvato gli accordi in Consiglio e ha stanziato la cifra prevista, 30 milioni di euro.

Giovedì scorso a Monza, nell’ambito di un incontro con i rappresentanti degli enti locali, l’Assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità ha garantito che a settembre partiranno i lavori della metrotranvia Milano Desio Seregno.

E’ una bella notizia che attenua parzialmente le preoccupazioni sul futuro delle importanti opere infrastrutturali. Dopo vent’anni di attesa, ci auguriamo tutti che questo sia davvero il settembre giusto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *