Consigliere regionale

Edilizia scolastica
 PD: “dai comuni 500 progetti per 150 milioni di euro: vera emergenza scolastica. Regione lombardia dov’era in questi anni?”

Una notizia che i consiglieri del Gruppo regionale del Pd componenti della VII Commissione Cultura e istruzione, giudicano clamorosa: “A fronte di 15 milioni di euro stanziati per interventi urgenti per l’edilizia scolastica lombarda dal Decreto Del Fare, i progetti arrivati dai comuni sono 500 per un totale di 150 milioni di euro. Una vera e propria emergenza edilizia scolastica. Dov’era in questi anni Regione Lombardia?”, si chiedono Fabio Pizzul, Laura Barzaghi, Mario Barboni e Jacopo Scandella, oggi, giovedì 26 settembre 2013, al termine della seduta di Commissione in cui è stata approvata – Pd astenuto – la proposta di atto amministrativo “Approvazione degli indirizzi per la programmazione degli interventi a favore del patrimonio scolastico nel triennio 2013-2015”.

Secondo i consiglieri Pd “già nel 2012, quando i soldi erano pochi, alle strutture sono stati destinati circa 8 milioni e mezzo di euro, tant’è che sono stati finanziati solo 51 interventi nei comuni colpiti dal terremoto. Invece, a Generazione Web, l’iniziativa di digitalizzazione della didattica, che ha comunque potuto contare su un significativo co-finanziamento statale, ne sono stati dati più di 12. Praticamente, nelle scuole dove pioveva dal tetto è però arrivata la lavagna digitale”, ironizzano i consiglieri.

Non solo: Pizzul, Barzaghi, Barboni e Scandella fanno notare che dalla documentazione emerge chiaramente come “gli ultimi indirizzi relativi agli adeguamenti degli edifici risalgono al 2006: e nel frattempo? In tutti questi anni cosa ha fatto Regione Lombardia?”.

Una cosa è certa, secondo il Pd: “Ora ci troviamo con una caterva di scuole che necessitano di interventi di vario genere (nuove costruzioni comprese) e che i tecnici della Giunta hanno quantificato in circa 2 miliardi di euro totali. E molte dovranno rimanere necessariamente fuori dalla partita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *