Consigliere regionale

Capitani coraggiosi

Capitani coraggiosi

La maggioranza che governa Regione Lombardia ha bocciato senza possibilità di appello, che in questo caso significava una discussione democratica in Consiglio Regionale, una petizione sottoscritta da quasi 14mila cittadini.

La petizione pubblica riguardava l’abolizione del buono scuola, il sostegno che la Regione dà alle famiglie degli studenti che frequentano le scuole paritarie.

I nostri capitani coraggiosi, votando contro il provvedimento in Commissione Cultura ed Istruzione, hanno rifiutato il confronto richiesto da un così grande numero di Lombardi mettendo in atto un chiaro comportamento antidemocratico.

Ci rendiamo conto delle loro difficoltà : per questa maggioranza di centrodestra diventa difficile giustificare il diverso trattamento riservato agli studenti delle scuole statali rispetto a quello dedicato agli studenti delle scuole paritarie.

Ai primi hanno deciso di tagliare ulteriormente le risorse mettendo a bilancio 5 milioni di euro contro i 10 milioni dello scorso anno, per gli alunni delle paritarie il buono scuola e’ rimasto pressoché invariato ( 30 milioni di euro ).

Da questi contributi, inoltre, rimangono esclusi totalmente gli studenti statali delle primarie e del triennio delle superiori, mentre aumenta addirittura il valore del buono scuola destinato agli studenti delle fasce più alte che frequentano scuole medie e superiori paritarie, anche in presenza di redditi elevati.

Noi non siamo contrari ad ogni sostegno per le scuole paritarie, ma non possiamo accettare questa palese disparità di trattamento e che si diminuiscano le risorse già scarse per chi ha i redditi più bassi,  solo perché frequenta scuole statali.

Sono dunque numerosi i motivi di perplessità per la delibera della Giunta Maroni, ma di fronte alla richiesta di far proseguire l’iter all’iniziativa popolare e di avviare una discussione aperta e democratica su un tema sollecitato da così tanti cittadini, la maggioranza ha chiuso la porta votando compatta per l’archiviazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *