Consigliere regionale

Il fiume Seveso, intanto, esonda

Il fiume Seveso, intanto, esonda

Che Regione Lombardia avesse abdicato al suo ruolo decisionale e di coordinamento degli interventi utili alla soluzione del “problema fiume Seveso”, l’avevamo capito da tempo.

 Alla maggioranza che la governa interessa solo la propaganda, non la sostanza.

 E così, ad ogni nuova esondazione, l’Assessore competente incolpa il Governo ed il Comune di Milano per la mancanza dei fondi necessari e il presidente Maroni, evidentemente all’oscuro di tutto, promette la soluzione del problema “entro Expo”.

 Nessuno ha il coraggio di spiegare che la questione è ancora più complicata di quanto si pensi, che la strada da percorrere sarà lunghissima, irta di difficoltà per le forti contrapposizioni presenti e non completamente risolutiva se non si programmano interventi appropriati anche nel tratto milanese del fiume.

 Nella noncuranza generale, abbiamo presentato in sede di bilancio quattro emendamenti e un ordine del giorno per richiamare la Regione a programmare una serie di azioni coordinate, sia per aggiornare ed integrare gli studi finora effettuati con gli interventi da prevedere sul territorio milanese, che per finanziare una nuova vasca di laminazione, ma, soprattutto, intervenire sulla qualità delle acque: l’acqua pulita non fa paura a nessuno.

 Chiedevamo, infine, a Regione Lombardia di rifondere i danni alle aziende e ai cittadini colpiti dalla grande esondazione dell’8 luglio scorso.

 Probabilmente preoccupata dalla propria dimenticanza per un tema così “di moda”, la maggioranza si è mostrata disposta ad approvare l’ordine del giorno PD, ma ha proposto modifiche stravolgenti e bocciato tutti gli emendamenti, quindi, i finanziamenti.

 Non abbiamo accettato le modifiche, preferendo votare la mozione così com’era con le altre opposizioni. La Regione continua a non capire e, innanzitutto, a non impegnarsi su questo tema.

 Il Seveso, in compenso, continua ad esondare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *