Consigliere regionale

Le vie d’acqua di Expo: una vicenda travagliata

Le vie d’acqua di Expo- una vicenda travagliata

Il progetto delle vie d’acqua era parte integrante del dossier di candidatura di Expo 2015 e, probabilmente, è stato uno dei motivi che hanno fatto prevalere Milano sulle altre città. In se’ era una buona idea.

Attraverso la realizzazione di un canale che si dipartiva dal Canale Villoresi, si alimentava il bacino di Expo e si faceva infine defluire l’acqua nel Naviglio Grande e nella Darsena.

Si prevedeva così di ricucire il legame storico di Milano con l’acqua, di rilanciare il ruolo strategico dell’agricoltura milanese e di potenziare e valorizzare il sistema parchi: Parco di Trenno, Boscoincitta’, Parco delle Cave …

Com’è andata a finire, ormai è risaputo. Difficoltà, incertezze, contestazioni di una parte dell’ambientalismo e di alcuni comitati cittadini. Tant’è che il progetto è stato largamente modificato ( si prevede l’interramento di buona parte del canale ) e quasi sicuramente non sarà completato in tempo per l’esposizione. Si troverà una soluzione provvisoria per il deflusso dell’acqua dal bacino di Expo.

Tardiva è sembrata anche la mozione presentata in Consiglio regionale dal Movimento 5 stelle che chiedeva la completa cancellazione delle vie d’acqua e, quindi, non meritevole di essere presa in considerazione.

In questa travagliata vicenda si è persa un’occasione, quella di mantenere in essere la soluzione originaria del canale a cielo aperto, perché l’acqua è un elemento arricchente dell’ambiente e del paesaggio. Naturalmente, a patto che sia perseguita la sua qualità e
curata la manutenzione dei canali.

C’è infine una lezione da imparare una volta per tutte: che non si possono più realizzare opere pubbliche senza il coinvolgimento e la condivisione dei portatori di interesse, sia nella fase dell’ideazione che in quella della progettazione. È ormai troppo alto il rischio dello spreco di tempo, di energie e di risorse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *