Consigliere regionale

Fiume Seveso: caro Maroni assumiti le tue responsabilità

Fiume Seveso: caro Maroni assumiti le tue responsabilità

In tempi di calamità ed esondazioni, anche i cittadini lombardi guardano con preoccupazione i loro fiumi che, ripetutamente negli scorsi mesi, hanno abbandonato l’alveo allagando abitazioni e fabbriche e provocando ingenti danni.

In Lombardia c’è innanzitutto una emergenza “fiume Seveso” da affrontare. Si tratta di un intervento complesso, atteso da decenni, che chiama in causa numerosi protagonisti, cittadini, associazioni, amministratori locali e del capoluogo, la città metropolitana, le province, la regione, con interessi diversificati e molto spesso tra loro confliggenti.

Non è una questione di risorse, perché le opere previste possono già contare su un discreto tesoretto ( 10 milioni di euro dalla Regione, 20 milioni dal Comune di Milano, più di 50 milioni dallo Stato ), occorre
solo prendere decisioni concrete circa gli interventi da eseguire e condividere le scelte con tutti i portatori di interesse.

Gli obiettivi da raggiungere riguardano l’azzeramento del rischio idraulico lungo l’intero asse del fiume e il miglioramento della qualità delle acque.

Il Presidente Maroni, nominato per l’emergenza Seveso Commissario  straordinario del Governo, non può più permettersi di “fare il pesce in barile”, come ha fatto finora per non dispiacere ad alcune frange del suo partito.

Con estrema urgenza deve assumersi la responsabilità delle scelte da attuare e la responsabilità di guidare tutte le fasi di messa in sicurezza del fiume e degli interventi relativi al miglioramento della qualità delle acque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *