Consigliere regionale

Non è così che si promuove la cultura!

Non-è-così-che-si-promuove-la-cultura!

Diciamo sempre che l’Italia potrebbe ripartire dalla bellezza, mettendo a sistema l’immenso patrimonio artistico che possiede.

Ma non ci crediamo a sufficienza, tant’è che pochi investono nell’arte e le stesse istituzioni centellinano le risorse necessarie.

Questa tendenza è rispettata anche da Regione Lombardia che lascia regolarmente a secco i capitoli di bilancio dedicati alla cultura.

Ma ogni regola ha la sua eccezione.

Unmilionenovecentomilaeuro ! Diconsi, 1.900.000,00 euro. È il finanziamento che il noto critico d’arte Vittorio Sgarbi ha ottenuto da Regione Lombardia per allestire le iniziative culturali legate ad Expo. L’inaugurazione di una di queste iniziative, una normale mostra d’arte contemporanea dal costo di 313 mila euro, è avvenuta venerdì scorso nella cornice di villa Bagatti Valsecchi a Varedo.

Nel discorso inaugurale Sgarbi ha colto l’occasione per discettare. Di arte, direte voi!

No. Di politica. Dichiarando, nell’ordine, che il noto cuoco Gualtiero Marchesi, lì presente, potrebbe diventare un senatore migliore di Monti “che ruba 20 mila euro al mese”, che Renzi ha fallito, che Berlusconi va difeso per il caso Ruby.

Va bene l’ossequio per chi ti paga, ma qui c’è qualcosa che fa a pugni con la correttezza ed il buon senso.

In ogni caso, cara Regione, non è così che si sostiene e si promuove la cultura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *