Consigliere regionale

Un Piano contro la violenza sulle donne

Un Piano contro la violenza sulle donne

La legge regionale 11 del 2012 per il contrasto alla violenza di genere è entrata finalmente nella fase della piena attuazione con l’approvazione del Piano regionale per le politiche di parità e di prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne, avvenuta con voto unanime nell’ultima seduta di Consiglio regionale.

Il Piano ha valenza quadriennale ed è stato elaborato con la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti nella rete territoriale antiviolenza: i rappresentanti dei Comuni, delle case di accoglienza e dei centri che si occupano delle vittime, le forze dell’ordine, il sistema giudiziario.

Il documento individua le priorità, i criteri e le azioni per la realizzazione degli interventi riguardanti le politiche di sensibilizzazione e prevenzione, di protezione, di sostegno e reinserimento della vittima e dà anche attuazione, per quanto di competenza, al Piano nazionale contro la violenza di genere e lo stalking.

Si tratta di uno strumento efficace per affrontare un fenomeno che è trasversale a tutte le condizioni sociologiche, perché prescinde dalla classe sociale, dal livello di istruzione, dal reddito, dalla nazionalità e dall’età.

Un fenomeno assai diffuso, se si considera che, secondo un’indagine ISTAT del 2014, in Italia circa 7 milioni di donne (il 31% delle donne tra i 16 e i 70 anni) hanno subito nel corso della loro vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale.

Il Piano tiene in considerazione le esperienze finora raccolte e, nel dare continuità alle attuali 21 reti territoriali antiviolenza i cui capisaldi sono i Comuni, opera nella logica di attivarne altre per coprire tutto il territorio regionale.

Il PD ha chiesto in aula di accompagnare all’accreditamento le strutture esistenti per poter ricevere i finanziamenti nazionali e che per quest’ultimi, insieme ai fondi europei e regionali, sia destinata una voce specifica di bilancio dedicata agli interventi di contrasto alla violenza sulle donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *