Consigliere regionale

QUI BRIANZA Trasporto pubblico: il Consiglio regionale chiede di evitare qualsiasi taglio

QUI BRIANZA

Trasporto pubblico: il Consiglio regionale chiede di evitare qualsiasi taglio

Tutti gli utenti del servizio autobus possono tirare un sospiro di sollievo. Ieri il Consiglio regionale ha votato all’unanimità un documento che impegna la Giunta a evitare tagli al trasporto pubblico locale e ad attivarsi con il Governo per la riassegnazione delle risorse

Per il trasporto pubblico su gomma qualcosa forse si muove. Gli studenti e i pendolari in generale, soprattutto quelli di Nova Milanese, Muggiò, Lissone, Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo, toccati dalle linee Z225 e Z227, possono tirare un sospiro di sollievo e incrociare le dita.

Nella giornata di ieri il Consiglio regionale ha discusse due distinte mozioni presentate dalla Lega Nord (primo firmatario Massimiliano Romeo) e dal Partito Democratico (primo firmatario Laura Barzaghi) sulle scarse risorse per il trasporto pubblico locale che rischiano ripercussioni sulla qualità del servizio. 

Posizione abbastanza diverse, naturalmente, ma alla fine del dibattito si è deciso di unificare le due mozioni e votare cosi un unico documento per invitare la Giunta e l’assessore regionale Alessandro Sorte a scongiurare qualsiasi taglio al trasporto pubblico locale e ad attivarsi con il Governo affinché vengano riassegnate le risorse e i finanziamenti statali per permettere lo svolgimento del servizio nel territorio di Monza e Brianza.

Il documento impegna la Giunta a garantire anche il sostegno a favore dell’Agenzia di Trasporto Pubblico Locale della Città Metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Pavia e Lodi affinché il servizio offerto sia adeguato rispetto alle rispettive esigenze di mobilità, in attesa che vengano effettuate le gare per recuperare le risorse necessarie al mantenimento delle linee Z225 e Z227. 

Soddisfazione è stata espressa dai consiglieri regionali del Pd Enrico Brambilla e Laura Barzaghi, che con la mozione si sono fatti portavoce della preoccupazione del territorio e dei sindaci che si sono mobilitati: “E’ un grande risultato  viste le premesse – dichiarano -. Dopo un’animata discussione in Aula siamo riusciti tra le diverse anime politiche a trovare un’unanime posizione su questo tema cruciale per il trasporto pubblico della Brianza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *