Consigliere regionale

Senza Arpa al top, l’ambiente non migliora

logo-ARPA-Lombardia

Il Gruppo regionale del Pd si è astenuto sul progetto di legge che prevedeva delle modifiche alla legge istitutiva di Arpa, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, al voto in Consiglio regionale.

L’intenzione dei proponenti, il M5s, era in particolare di eliminare la figura politica del presidente. Ma la maggioranza non ha accettato questo radicale cambiamento e, paradossalmente, alla fine le modifiche sono passate con i voti del centrodestra e con l’astensione di quasi tutta l’opposizione.

Un tormentato testo di legge che, alla fine, introduce una sola novità, il Comitato di indirizzo, una sorta di organismo decisionale allargato e mantiene al vertice la figura inutile e costosa del presidente, un unicum
in campo nazionale: nessuna altra Arpa ce l’ha! Purtroppo in Regione Lombardia è sempre una questione di poltrone.

Noi continuiamo a sostenere che la legge di istituzione di Arpa avrebbe bisogno di ben altra manutenzione per essere al passo con i tempi e che andrebbero affrontati con decisione i problemi veri ancora aperti: la
scarsezza di risorse e la cronica carenza di personale. In campo ambientale, senza l’efficace azione di controllo di Arpa, ogni misura attuata diventa palesemente inutile e l’ambiente lombardo non migliora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *